Analyzing needs.
Reinventing technology.
Simplifying solutions.

Sensori a lama di luce con tecnologia SmartRunner

Vantaggi

Nuove applicazioni versatili

Nuove applicazioni versatili

La tecnologia SmartRunner deriva dalla combinazione unica della tecnologia a lama di luce con un sensore ottico 2D con LED integrati e permette di risolvere nuove applicazioni complesse di rilevamento, ottenendo processi efficienti ed "orientati al futuro".
Messa in servizio tramite Plug&Play

Messa in servizio tramite Plug&Play

Ogni sensore a lama di luce SmartRunner può essere configurato per ogni applicazione specifica. A differenza di altri sensori, l'utente non riceve dati da elaborare accuratamente, bensì segnali digitali facili da gestire; dovrà, quindi, montare il dispositivo, collegarlo ed effettuare la parametrizzazione tramite la procedura teach-in.
Flessibilità negli adeguamenti di produzione

Flessibilità negli adeguamenti di produzione

Grazie alla fotocamera integrata, è possibile eseguire facilmente la parametrizzazione dei sensori utilizzando codici di controllo Data Matrix. Una volta generato un codice, l’utente può eseguire facilmente il teach-in e replicarlo in un numero indefinito di sensori. Estrema flessibilità di intervento nelle modifiche da apportare in produzione.
Assemblaggio comodo e rapido

Assemblaggio comodo e rapido

I sensori SmartRunner sono dotati di uno specchio deflettore che estende la lunghezza della lama di luce; in questo modo, si riduce la necessità di spazio e si ha una custodia estremamente compatta. La combinazione di un connettore orientabile con LED di visualizzazione aggiuntivi, il montaggio risulta particolarmente facile, anche in spazi ristretti.

Una combinazione innovativa

La tecnologia SmartRunner deriva dalla combinazione unica della tecnologia a lama di luce con un sensore ottico 2D con LED integrati. Il risultato è la serie di sensori a lama di luce Plug&Play pronti all'uso che presenta un'ampia gamma di caratteristiche tecniche. 

La consolidata tecnologia a lama di luce si basa sul principio di triangolazione e consente di eseguire attività di rilevazione versatili, come ad esempio il riconoscimento preciso dei profili in altezza e dei bordi. I sensori a lama di luce sono precisissimi, non subiscono l'interferenza da luci esterne e operano in modo ottimale, indipendentemente da colore e tipo di superficie del target. La funzione della fotocamera integrata con illuminazione a LED, semplifica la parametrizzazione tramite codici di controllo Data Matrix. È inoltre possibile registrare gli errori attraverso immagini, consentendo al personale di intervenire rapidamente e in modo efficace in caso di problemi.

I nuovi sensori a sezione ottica sono ottimizzati per attività specifiche. Vieni a scoprire i primi modelli della nuova famiglia SmartRunner. 

 

Tecnologia SmartRunner

Pronti all'uso: sensori specifici per processi efficienti

La tecnologia SmartRunner permette di risolvere nuove applicazioni complesse di rilevamento, ottenendo processi efficienti e "orientati al futuro". Vieni a scoprire i primi prodotti della nuova famiglia SmartRunner: SmartRunner Detector e SmartRunner Matcher.

SmartRunner Matcher -

Lo specialista nel confronto profili

SmartRunner Matcher Automotive

Un'applicazione tipica dello SmartRunner Matcher è l’assemblaggio delle parti di una vettura nel settore automotive dove diversi pezzi della carrozzeria devono essere allineati con precisione prima di essere afferrati, posizionati e saldati dai robot industriali. Per verificare il corretto allineamento dei componenti, due SmartRunner Matcher vengono posizionati ad un bordo dei pannelli della carrozzeria.

L’altezza del profilo rilevata viene salvata tramite teach-in e utilizzata come riferimento per il confronto con gli altri profili. Solo quando il componente corretto rientra in un intervallo avente tolleranza regolabile, entrambi i sensori inviano un segnale di commutazione, consentendo al robot di afferrare l'oggetto senza impedimenti. Utilizzando il Matcher si evitano tempi di inattività non previsti e costosi danni a carrozzeria e robot.

SmartRunner Matcher per un confronto affidabile dei profili

La messa in servizio del Matcher è semplice: il sensore deve essere montato e allineato al profilo desiderato e quindi programmato tramite teach-in; una volta che il profilo di riferimento viene programmato, il processo della macchina può essere avviato. Poiché l'analisi dell'applicazione è svolta direttamente dal sensore, vengono generati semplici segnali digitali anziché dati da elaborare. Così, il sensore può essere collegato direttamente al sistema di controllo senza particolari problemi. 

Rispondere rapidamente al cambio dei differenti tipi di carrozzeria e della varietà di imballaggi non rappresenta un problema per il Matcher: il sensore può essere facilmente parametrizzato nuovamente tramite teach-in o codici di controllo Data Matrix. Persino superfici di oggetti o colori diversi vengono implementati rapidamente grazie alla procedura "split beam".

Tecnologia SmartRunner Matcher

Come funziona?

Qui è possibile vedere come il Matcher confronta il profilo, la posizione e la distanza dell'oggetto in base alla tolleranza regolabile:

Scenario 1 - Segnale "good": il Matcher riconosce il profilo di riferimento di cui è stato eseguito il teach-in in precedenza. Il processo di presa viene avviato.

Scenario 2 - segnale "good": il Matcher rileva una leggera deviazione rientrante ancora nella gamma di tolleranza. Il processo di presa viene avviato.

Scenario 3 - segnale "bad": la deviazione è al di fuori della gamma di tolleranza. Il processo di presa viene interrotto.

Scenario 4 - segnale "bad": distanza eccessiva tra sensore e oggetto. Il robot deve essere spostato prima di avviare il processo di presa.

Scenario 5 - segnale "bad": rilevazione di un oggetto errato o difettoso. Il processo di presa viene interrotto.

Here, you can see how the Matcher works by comparing object contour, position, and distance:

"Good" Signal Scenario 1: The Matcher recognizes the previously taught-in reference contour. The gripping process starts.

"Good" Signal Scenario 2: The Matcher detects a slight deviation that is still within tolerance range. The gripping process starts.

"Bad" Signal Scenario 3: The twist is outside the tolerance rage. The gripping process stops.

"Bad" Signal Scenario 4: Too long distance between sensor and object. The robot has to be moved before the gripping process can be initiated.

"Bad" Signal Scenario 5: Detection of an incorrect or defective object. The gripping process stops.

More Use Cases for SmartRunner Matcher

Ensuring Reliability in Ready-Meal Production

Light Section Sensor Detects Low-Contrast Packaging

Plastic trays divided into several small compartments are often used when producing ready meals in the food industry. Filling the individual compartments in the plastic tray and carefully separating the different meal components is an essential prerequisite for acceptance by the customer and for properly sealing the container. In the case of a defect, the product cannot be sold, and the meal must be discarded. Checking that the plastic trays are in the correct position requires a reliable, quick, and easy-to-install solution that supports a quick and efficient filling process. The SmartRunner Matcher offers the ideal solution for checking the position of the plastic trays.

Smooth Material Feed in Production Plants

SmartRunner Matcher for Uninterrupted Material Feed in Production Plants

An uninterrupted supply of raw materials is crucial for maintaining cost-effective operations in production plants. The materials, which can vary in color, are transported to the machine in workpiece carriers. Before the materials are picked up by the robotic system, it is necessary to check whether the materials are present (presence check) and whether the materials are in the correct position (position control). Efficient operation without plant downtime or production waste is always the top priority. With the SmartRunner Matcher light section sensor, both detection tasks can be performed in a single step. 




Lo specialista per attività di monitoraggio ad alta precisione

La messa in servizio del Detector è semplicissima grazie all'ottimizzazione eseguita in fabbrica che consente un monitoraggio molto accurato: l'utilizzatore posiziona la linea del laser su una parete (come in questo specifico esempio) o verso un altro sfondo fisso ed effettua facilmente la programmazione attraverso la procedura di teach-in. Non è richiesto alcun PC e i tempi di esposizione non devono essere regolati manualmente.

Se nell’applicazione occorre monitorare aree specifiche, è possibile definire le regioni di interesse (ROI, Regions of Interest). Gli oggetti che si presentano nella zona di rilevazione al di fuori della ROI vengono rilevati ma non viene attivato alcun segnale di commutazione. La definizione di dimensioni minime o massime degli oggetti evita falsi allarmi dovuti a fattori esterni.

SmartRunner Detector—

Lo specialista per attività di monitoraggio ad alta precisione

Applicazione SmartRunner Detector<

Questa macchina laser è usata per calibrare la distanza di commutazione dei sensori. Per i vari modelli di sensore sono necessari attrezzi di serraggio diversi. Quando il programma è attivato, il laser si sposta all'altezza adeguata e viene avviato il processo di taratura. Se il dispositivo utilizzato è troppo alto, gli oggetti sporgenti possono danneggiare la costosa lente del laser.

Per evitare ciò, il Detector viene montato sotto il laser ampliando il proprio campo di rilevazione. Se un oggetto inappropriato entra nel campo di monitoraggio, il sensore fornisce un segnale di commutazione e l'arresto viene attivato prima che la lente possa essere danneggiata. In questo modo, il Detector protegge i componenti costosi, aumentando nel contempo la disponibilità della macchina.

Come funziona?

Qui è possibile vedere come il Detector esegue il monitoraggio dello sfondo e la rilevazione degli oggetti.

Scenario 1 - Segnale "good": nessun oggetto interferisce con la linea laser. Il funzionamento della macchina procede come previsto.

Scenario 1 - Segnale "bad": Il Detector rileva un oggetto che interferisce con la linea laser. Un segnale di commutazione provoca l'interruzione del funzionamento della macchina.

Scenario 2 - Segnale "bad": un oggetto di difficile rilevazione con una superficie riflettente interferisce con la linea laser. Poiché il Detector valuta la linea laser sia sull'oggetto sia sullo sfondo, i risultati della rilevazione sono sempre plausibili. Di conseguenza, una linea di sfondo interrotta viene visualizzata sull'oggetto guasto nella zona di rilevazione, in modo che il sensore risponda immediatamente. Questa valutazione parallela assicura processi completamente affidabili per gli utilizzatori.

SmartRunner Detector

Contattaci

Hai domande o vuoi ricevere informazioni sui prodotti SmartRunner? Siamo qui per aiutarti! Compila il seguente modulo con i dati richiesti e inviaci un messaggio.