Servizio assistenza Sensori Industriali
Telefono: +39 039 69599 1
Fax.: +39 039 69599 30
Servizio assistenza Protezione contro le esplosioni
Telefono ++39 039 62921
Fax ++39 039 6292 390

Considerazioni sulla progettazione

L'aggiunta di un sistema di purge e pressurizzazione è uno dei modi più semplici e meno costosi per rendere una custodia standard adatta a funzionare in una zona pericolosa. Ecco alcuni fattori che occorre considerare quando si aggiunge un sistema di purge e pressurizzazione a una custodia standard:


  • La fonte di pressione deve essere pulitaessere sufficiente al processo di purge, e compensare eventuali perdite della custodia. Le custodie di grandi dimensioni di solito hanno portelle di grandi dimensioni, che possono richiedere dispositivi di chiusura per mantenere la custodia in pressione.
  • Il cablaggio da e verso la custodia deve essere protetto per la classificazione dell'area. La Classe I, Divisione 1 può richiedere un condotto antideflagrante con sigilli ermetici mentre un'area Zona 2 può richiedere un cablaggio a sicurezza aumentata. È opportuno esaminare tutti i codici applicabili.
  • La custodia deve essere abbastanza robusta da sopportare la pressione di purge del sistema e, dopo la fase iniziale di pressurizzazione, deve essere in grado di mantenere la pressione per il funzionamento. In ambienti con gas pericolosi, le custodie vengono sottoposte al purge, cosa che ne fa aumentare la pressione all'interno. Potrebbe essere necessario aggiungere delle guide di rinforzo all'interno della custodia per evitarne la deformazione durante il processo; le custodie più grandi sopportano meglio le sollecitazioni per via della superficie più ampia.
  • È necessario determinare i codici T e la temperatura interna della custodia per impedire l'innesco dell'atmosfera pericolosa durante il funzionamento. Se la temperatura interna è superiore alla temperatura di ignizione dell'area pericolosa, la custodia non può essere aperta sino al raggiungimento di un livello di sicurezza (temperatura minore), anche se l'interno della custodia è de-energizzato. Questo di solito richiede il bloccaggio di tutte le portelle di entrata e del relativo dispositivo di chiusura.
  • Se la custodia è in plastica o c'è un accessorio in plastica montato sopra ad esempio un oblò,si deve verificare che sia ignifuga e che soddisfi i requisiti relativi alla scarica elettrostatica. Questi requisiti si possono reperire negli standard applicabili, se necessario.
  • L'installazione di un sistema di purge certificato su una custodia standard con l'apparecchiatura all'interno non implica che l'intero sistema sia certificato per il funzionamento in una zona pericolosa. Il sistema richiede una propria certificazione d'insieme per le zone pericolose. L'utilizzo di un'apparecchiatura certificata nel sistema rende il processo di certificazione più semplice e meno costoso.

e-news

Abbonati alla nostra newsletter, per ricevere periodicamente notizie e informazioni interessanti sul mondo dell'automazione.

Abbonati

Leggi l'ultima edizione della nostra e-news:

  • Sensori industriali
  • Protezione contro le esplosioni